Prisco (FdI): “Dopo Tagina attivare area di crisi complessa nella Fascia”

Attivare l’area di crisi complessa nell’intera zona dell’Appennino umbro marchigiano. E’ quanto propone il parlamentare di Fratelli d’Italia, Emanuele Prisco, secondo il quale dopo il caso della Tagina «vanno studiate formule organiche per contrastare le criticità delle aziende umbre».

«Quello della cassa integrazione straordinaria per i lavoratori della ditta di ceramiche d’arte di Gualdo è un buon risultato – dichiara Prisco – certamente migliore rispetto agli altri ottenuti negli ultimi dieci anni dai precedenti governi. Ora, però, non aspettiamo la prossima crisi aziendale o l’improvvisata gestione della futura emergenza che verrà – spiega il deputato di FdI -. E’ opportuno intervenire in maniera organica e preventiva nell’intera zona della fascia appennininca per offrire risposte generali alle aziende interessate attraverso provvedimenti coerenti e politiche capaci di interrompere circoli viziosi in un’economia ciclicamente esposta a rischi occupazionali»

Tags:

  • Commenti (0)

Contenuto bloccato fino all'accettazione dei cookie.
Per visualizzarlo, esprimi il tuo consenso cliccando qui e ricarica la pagina.
  • Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.


Pubblicità

Potrebbe piacerti anche

Tari, salta l’approvazione delle tariffe

Salta l’approvazione della Tari. Nel consiglio comunale di venerdì scorso, che doveva dare disco ...

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione, o cliccando sul pulsante di seguito, acconsenti al loro utilizzo in conformità alla nostra Informativa sulla Privacy e Cookie Policy. Il consenso può essere revocato in qualsiasi momento. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi