Leonardo da Vinci? Assolutamente no, è un Rubboli

La scorsa settimana, con una conferenza stampa alla Sala della Stampa Estera in via dell’Umiltà a Roma, lo studioso leonardesco Ernesto Solari e la consulente grafologa Ivana Rosa Bonfantino hanno annunciato uno straordinario ritrovamento: una piastrella di 20 x 20 centimetri in terracotta invitriata intitolata ”L’arcangelo Gabriele, pittura d’Eterna vernice”, presentata come la più antica opera pittorica di Leonardo Da Vinci.

La notizia è rimbalzata in tantissimi organi d’informazione (leggi ANSA e REPUBBLICA), ma c’è un particolare: sembra sia falsa. Quella vera è che probabilmente si tratta di un clamoroso e marchiano errore. A segnalare il fatto è Maurizio Tittarelli Rubboli, pronipote di Paolo e curatore del Museo Rubboli ospitato nei locali dell’opificio in via Giuseppe Discepoli a Gualdo Tadino.

“La notizia mi è stata segnalata da Giovanni Fardella – dice Maurizio Rubboli – un collezionista amante della tradizione Rubboli, sbalordito anche lui da un notizia così sbagliata e raccapricciante. Quando ho visto la mattonella con la sua datazione e attribuzione sono letteralmente saltato sulla sedia e ho personalmente scritto all’Ansa per dire ciò che penso. Per la fattura generale ed i lustro oro essa è databile tra il 1925 e il 1931 ed è opera della mano di Aldo Ajò e della cottura a muffola per ottenere il lustro oro della mia famiglia, in particolare di Lorenzo ed Alberto Rubboli“.

A dire che la mattonella non è di Leonardo non è solo Tittarelli Rubboli, ma anche lo storico dell’arte Martin Kemp, grande esperto del genio toscano e autore di numerosi contributi scientifici sull’argomento. Kemp ha affermato che le possibilità che l’opera sia di Leonardo da Vinci “sono meno di zero“, arrivando anche a battute sarcastiche, definendo i capelli dell’Arcangelo Gabriele “simili a vermicelli”.

“Kemp ha, in parte, ragione – conferma Maurizio Tittarelli Rubboli – I capelli sono stati ‘segnati’ con un pennino, probabilmente con la punta leggermente tagliata e sono di gusto tra il Preraffaellita e un secondo storicismo piuttosto rigido. Il volto è anche aerografato: tutto lontanissimo da Leonardo da Vinci, dal Rinascimento e dal lustro di fine Quattrocento. Mastro Giorgio da Gubbio aveva all’epoca dell’audace datazione circa sei anni”.

“Riguardo agli esami fatti con la termoluminescenza non sono un esperto – conclude il curatore del museo Rubboli – ma so che ci sono margini di errore fino al 20% e che le variabili sono tantissime. Personalmente trovo la vicenda simile ad un pesce d’aprile: immaginare un Leonardo anche grande esperto di lustro, che fa la muffola diciottenne nella fornace del nonno a Bacchereto, ha qualcosa che sembra preso dalle avventure di Harry Potter”.

Sotto, la locandina dell’evento

© ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Tags:

  • Commenti (0)

Contenuto bloccato fino all'accettazione dei cookie.
Per visualizzarlo, esprimi il tuo consenso cliccando qui e ricarica la pagina.
  • Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.


Pubblicità

Potrebbe piacerti anche

melania el khayat olimpiadi filosofia

La studentessa gualdese Melania El Khayat alle finali delle Olimpiadi di Filosofia

Melania El Khayat, studentessa della IV C del Liceo Scientifico “Raffaele Casimiri” di Gualdo ...

concerto insieme per gabriele 2018

Grande successo di pubblico per il concerto “Insieme per Gabriele”

E’ stato ancora una volta un successo di pubblico il concerto “Insieme per Gabriele“, ...

musei dog friendly gualdo tadino

A Gualdo Tadino Fido entra nei musei che diventano “dog friendly”

Nella maggior parte dei musei italiani e stranieri non è consentito l’ingresso agli animali, ...

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione, o cliccando sul pulsante di seguito, acconsenti al loro utilizzo in conformità alla nostra Informativa sulla Privacy e Cookie Policy. Il consenso può essere revocato in qualsiasi momento. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi