Caso Rocchetta. M5S durissimo: “Dimissioni immediate del Sindaco”

Arriva, da parte del Movimento 5 Stelle, il primo commento politico sul provvedimento di sequestro dei terreni dell’area Rocchetta. Provvedimento adottato dal Commissario per gli Usi Civici Antonio Perinelli in attesa dell’udienza del prossimo 12 febbraio, a seguito dell’esposto del WWF.

E’ la consigliera comunale Stefania Troiani, con un durissimo comunicato stampa, a chiedere le immediate dimissioni del Sindaco e di tutti i componenti della Giunta.

 

La Troiani afferma che fin dalle prime osservazioni sul progetto Rocchetta, il Movimento 5 Stelle evidenziò la necessità di “effettuare un’accorta ricognizione storica dei fondi, ripristinare la legalità in tutta l’area tenendo conto degli usi civici, delle variazioni di destinazione d’uso e delle zone di rispetto”. Inoltre si chiedeva di “istituire un tavolo di confronto tra Amministrazione Comunale e Comunanza Agraria per delineare gli obiettivi da raggiungere ed i percorsi da tracciare per la risistemazione di tutta l’area interessata dal dissesto e infine addivenire ad un accordo con l’azienda Rocchetta SpA per il ripristino dell’area”.

Da parte di Sindaco e Giunta non c’è stata nessuna consapevolezza di una realtà giuridica tutt’altro che arcaica – dicono i pentastellati – come dimostrano le numerose sentenze della Corte Costituzionale e anche la recente legge 168/2017 approvata dal Parlamento. La nostra voce è stata sempre inascoltata, se non derisa o sbeffeggiata”.

Secondo i grillini, tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute dal 1976 ad oggi hanno dimostrato la loro incapacità a gestire un patrimonio così rilevante e addirittura l’attuale Giunta ha sempre “sbeffeggiato e deriso i soggetti che hanno tentato di affrontare l’argomento in altro modo“.

“Si è data la priorità agli interessi economici di pochi – afferma Stefania Troiani – piuttosto che alla collettività, senza capire che si stava danneggiando anche l’azienda Rocchetta SpA. Si sono calpestate norme, codici, direttive, sentenze. Non sono mai stati svolti ruoli di mediazione tra i vari interessi in gioco, ma sono stati acuiti le tensioni ed i conflitti tra i cittadini, esasperati dalla drammatica situazione economica e sociale che il nostro territorio sta vivendo, eludendo al contempo anche i principi cardine di natura comunitaria, sul libero mercato, che prevedono procedure ad evidenza pubblica, procedure che avrebbero potuto portare benefici enormi alla nostra comunità

“E’ per queste ragioni – conclude la nota stampa – che il Movimento 5 Stelle chiede con forza un atto di onestà politica ed intellettuale da parte dell’attuale amministrazione: si ammetta la totale incapacità ed il fallimento nella gestione di una questione così rilevante per il nostro territorio e per il futuro della nostra comunità rimettendo il mandato ai cittadini, che sapranno valutare l’operato fin qui prodotto”.

Tags:

  • Commenti (0)

Contenuto bloccato fino all'accettazione dei cookie.
Per visualizzarlo, esprimi il tuo consenso cliccando qui e ricarica la pagina.
  • Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.


Pubblicità

Potrebbe piacerti anche

Anthony Scaramucci capo della comunicazione della Casa Bianca

L’ingresso di Anthony Scaramucci all’interno della Casa Bianca con un ruolo importante era nell’aria ...

FI e MS: “Complimenti a Palazzoni. Sinistra ormai allo sbando”

GUALDO TADINO – Dopo la nomina di Franco Palazzoni a portavoce di Fratelli d’Italia, ...

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione, o cliccando sul pulsante di seguito, acconsenti al loro utilizzo in conformità alla nostra Informativa sulla Privacy e Cookie Policy. Il consenso può essere revocato in qualsiasi momento. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi