Sesso in caserma, condannato l’ex Carabiniere gualdese

L’ex carabiniere della stazione di Sigillo, residente a Gualdo Tadino, protagonista dei noti episodi di cronaca venuti alla luce intorno alla fine del 2015 e da allora accusato di concussione, violenza sessuale e adescamento di minore è stato condannato a quattro anni e quattro mesi di reclusione dal Gup Carla Giangamboni. L’imputato aveva scelto di essere giudicato con rito abbreviato.

Tutto era partito a novembre del 2015, quando una minorenne di Gualdo Tadino aveva denunciato il militare per averle chiesto di alzare la maglietta con la promessa di farla entrare nel mondo della moda. Da lì era scattata l’indagine coordinata dal Pm Michele Adragna. Nel febbraio del 2016 per l’imputato scattarono gli arresti domiciliari.

Il Pm Michele Adragna aveva contestato anche rapporti avvenuti tra il militare e una cittadina spagnola. Il Gup ha però riqualificato nei confronti del cinquantaquattrenne S.T. l’ipotesi di violenza sessuale e concussione, in quanto, per questa ipotesi di reato, il fatto non sussiste.

Il legale dell’ex carabiniere, Nicola Di Mario, si è dichiarato soddisfatto “avendo il giudice ritenuto insussistente l’ipotesi di concussione e violenza sessuale ai danni della cittadina spagnola. Per il resto aspettiamo le motivazioni del giudice, per una proposta di appello“.

Tags:

  • Commenti (0)

Contenuto bloccato fino all'accettazione dei cookie.
Per visualizzarlo, esprimi il tuo consenso cliccando qui e ricarica la pagina.
  • Gualdo News è il nuovo portale di informazione 2.0 della città di Gualdo Tadino.


Pubblicità

Potrebbe piacerti anche

Scossa di terremoto nella notte a Gualdo Tadino

Lieve scossa di terremoto a Gualdo Tadino. Il sisma è stato registrato questa notte ...

Melissa e Alessio, scomparsi da ieri

GUALDO TADINO – Sedici anni e scomparsi da casa. Le famiglie di Melissa Chiocci e ...

Domani scuole regolarmente aperte in tutta la fascia appenninica

Domani, mercoledì 28 febbraio, le scuole di Gualdo Tadino saranno regolarmente aperte. Dopo l’emergenza ...

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione, o cliccando sul pulsante di seguito, acconsenti al loro utilizzo in conformità alla nostra Informativa sulla Privacy e Cookie Policy. Il consenso può essere revocato in qualsiasi momento. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi