Rocchetta, la Comunanza annuncia ricorsi

GUALDO TADINO – E’ iniziato con un omaggio a Carlo Rosi, ultimo presidente della comunanza agraria “Appennino Gualdese”, prima del suo riordino del giugno 2014, il dibattito di ieri pomeriggio al centro Terza Età, sulla questione Rocchetta e usi civici. Hanno coordinato i lavori  la presidente della Comunanza, Nadia Monacelli e il vice Danilo Remigi, supportati dall’avvocato Maria Rita Fiorelli, che da quattro anni collabora gratuitamente con l’Ente. Con l’iniziativa di venerdì, la Comunanza ha voluto informare la cittadinanza attraverso la proiezione di video e documenti pubblicati anche sul sito www.appenninogualdese.com).

I primi dati e le delucidazioni fornite riguardano la definizione di “uso civico”, “proprietà collettiva” e sui terreni dati in concessione alla società Rocchetta ponendo l’accento sul contratto stipulato, nel 1952, tra la comunanza e Bellisario Righi. La concessione è poi passata alla famiglia Varnelli nel 1976 e, negli anni ’90, alla Rocchetta s.p.a. Secondo l’Appennino Gualdese, “il contratto originario, visto che la concessione attuale è in prorogatio di quella del 1952, è ancora in essere” in quanto la Comunanza non è mai stata sciolta, bensì è rimasta in una sorta di quiescenza e poi riordinata attraverso le elezioni del giugno 2014 e con la presa d’atto della Regione Umbria nel settembre 2014. I membri della comunanza agraria gualdese, per questi motivi, ritengono che “l’interlocutore fondamentale nella concessione Rocchetta era e deve ancora essere la Comunanza stessa”. E, su questo punto, Nadia Monacelli ha illustrato i documenti riguardanti la posizione dell’Ente e il verbale di una riunione in regione:

2015-09-28, Intervento Regione istanza proroga 2

2015.09.30, Verbale Regione Rocchetta Comune Gualdo Tadino 2

Intervallati da passi dell’enciclica di Papa Francesco “ Laudato si’ “, nel corso del convegno di venerdì, si sono susseguiti video, interventi e domande da parte del pubblico presente.

Tra gli argomenti su cui si è soffermata particolarmente l’attenzione spiccano quelli sulla disponibilità di acqua, sulle ricadute economiche per il territorio di una concessione alla società di imbottigliamento e sulle  responsabilità della stessa riguardo ai lavori nella  Valle Rocchetta dopo l’alluvione del novembre 2013.

Riferendosi alle sentenze del Tar e del Consiglio di Stato sulla controversia Idrea-Regione- Comitato Rio Fergia, comuni di Gualdo Tadino e Nocera Umbra, dai dati riportati da Umbra Acque nel giugno scorso e l’allarme lanciato anche la scorsa estate da molte città umbre, per la Comunanza agraria, “appare ingiustificabile la mancanza di uno studio idrogeologico serio precedente ad una autorizzazione amministrativa per la concessione”.

Servendosi  anche alle immagini dall’alto della Valle Rocchetta ripresa da un drone nei giorni scorsi, è poi intervenuto il geometra Enrico Finetti che ha fatto sapere: “sono stati incaricati dei tecnici e dei legali per verificare se e quanto ha inciso in modo pesante la mano dell’uomo sul disastro alluvionale. E’ in corso – ha detto – la redazione di una perizia per la verifica delle cause dei danni per come sono state eseguite le opere nel 1992 e nel 1998”.

Si è poi parlato a lungo della deliberazione consiliare varata dal Consiglio comunale che esprime il parere favorevole alla concessione Rocchetta (clicca qui per visualizzare l’atto) e della convenzione tra il Sindaco e l’azienda (clicca qui per leggere la Convenzione).

Nadia Monacelli, ha definito i provvedimenti intrapresi “uno schiaffo a Gualdo Tadino e  ha  annunciato chesaranno intraprese tutte le iniziative necessarie per il rispetto delle regole e il ripristino della legalità.

Tags:

  • Commenti (0)

Contenuto bloccato fino all'accettazione dei cookie.
Per visualizzarlo, esprimi il tuo consenso cliccando qui e ricarica la pagina.
  • Giornalista pubblicista iscritta all’ordine regionale dell’Umbria dal 2006. Fin dalla metà degli anni ottanta collabora con le seguenti testate giornalistiche locali e regionali: Radio Tadino, Rete 7 (1987- 1997) e Gualdo Tv 23 (2000-2007), Giornale dell’Umbria (2004), mensile Trenta Giorni (2013). Laureata in Lettere, ha poi seguito corsi di formazione specifici nel campo socio-sanitario. Dal 1997 lavora part-time con la cooperativa sociale A.S.A.D. come educatrice professionale.


Pubblicità

Potrebbe piacerti anche

Banda ultralarga, da febbraio a Gualdo Tadino

GUALDO TADINO – Una città più veloce. Perlomeno in termini di banda internet. Dopo che ...

Nuova Flaminia, altra lettera di Presciutti a Anas e Provincia

Nuova lettera del sindaco di Gualdo Tadino Massimiliano Presciutti per segnalare le criticità presenti ...

Lotta alla ludopatia, altri comuni sull’esempio gualdese

GUALDO TADINO – La lotta alla ludopatia è partita nella nostra città nell’aprile del ...

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione, o cliccando sul pulsante di seguito, acconsenti al loro utilizzo in conformità alla nostra Informativa sulla Privacy e Cookie Policy. Il consenso può essere revocato in qualsiasi momento. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi